Festa di Pentecoste

.

L’unica voce del potere – la provvidenza che dà voce
“Tutta la terra aveva un'unica lingua e uniche parole” (Gen 11,1), così inizia il racconto della torre di Babele. Se c’è un’unica parola, è la parola del più forte, di chi ha il potere – commenta Enzo Bianchi. Come quando parla uno solo, nelle piazze o in casa. Il progetto degli uomini del capitolo 11 smaschera subito il valore di questa falsa unità. Dio scende per visitare la loro impressionante fabbrica di mattoni e l’edificio, comprende cosa è in atto e si mette lui stesso all’opera: confonde e disperde. Dio dona le lingue diverse e spinge ad abitare le numerose terre, indicando dunque il suo amore per la polifonia più che per l’assolo, mostrando di preferire il rischio della stonatura piuttosto che la sicurezza di chi è privo di dissonanze.

Perchè tutti siano uno

.

“Perché tutti siano una cosa sola” (Gv 17,21). Questa è la preghiera che Gesù fa al Padre per i suoi e per tutti quelli che crederanno nella sua parola. E proprio questa preghiera sostiene i seminaristi del Piemonte e della Valle d’Aosta. Perché tutti siano una cosa sola, nonostante le differenze di Diocesi, dei vari seminari, nonostante le distanze, nonostante il numero in calo, nonostante le difficoltà del cammino di ciascuno. E visto che “chi crede non è mai solo” (Benedetto XVI), il senso della Giornata annuale sta proprio in questo: condividere il cammino che porta al sacerdozio, crescere nell’amicizia tra di noi e con l’Amico, fortificare l’unione e il sostegno reciproco, incontrare altri seminaristi e pregare insieme perché la nostra gioia sia piena.

Nuovo Consiglio Pastorale Diocesano

.

Venerdì 11 maggio, alle ore 20.45, nei locali del Seminario Vescovile di Saluzzo, è in programma la prima riunione del nuovo Consiglio Pastorale Diocesano. Dopo aver vissuto i vari incontri delle vicarie, con i Consigli Pastorali Parrocchiali riuniti, con il Vescovo, sono stati nominati tra di essi, i rappresentanti del nuovo Consiglio Pastorale Diocesano.

«Questo organismo di partecipazione dice il desiderio di essere comunità di credenti che cammina insieme. Pastore e guida della diocesi è il Vescovo che costituisce il Consiglio Pastorale affinchè possa “studiare, valutare e proporre conclusioni operative su quanto riguarda le attività pastorali della diocesi”» spiega don Silvio Eandi, vicario per la pastorale diocesana.